#Soundintrip, le canzoni dei miei viaggi

Con ritardo vergognoso, copio da Fragola e da Katiu questo meme. Lo scopo è semplice: condividere cinque brani musicali che sono stati colonna sonora di altrettanti viaggi.

1. Sarà perché ti amo – Ricchi e poveri. Da piccola soffrivo tantissimo di mal d’auto. Nella convinzione che farmi cantare mi avrebbe distratta, mia nonna metteva cassette su cassette di cantanti italiani “dell’epoca”. I Ricchi e poevri erano un must. Ovviamente io vomitavo ugualmente, ma non credo c’entrasse la musica 😉

2. Altre forme di vita – Bluvertigo. Colonna sonora di un viaggio fatto a 18 anni in pullman (!!!) in Germania con la comitiva della parrocchia. Non abbiamo praticamente cantato altro per tutto il viaggio e per i 15 giorni. Se sento questa canzone rivedo immediatamente la casa dove eravamo, vicino alla foresta nera, e ripenso alla scomodità di tutte quelle ore in pullman.

3. Calma e sangue freddo – Luca Dirisio. Non ricordo l’anno esatto. Forse 2004. Vacanza con la mezza mela in Toscana. Cd con mix fatto in casa, ma questa canzone non me la posso scordare perché abbiamo rischiato di fare un incidente terribile proprio mentre la passava lo stereo. Per fortuna qualcuno ci ha protetti e ce la siamo cavata con un mega spavento.

4. Every Rose has its thorn – Poison. Estate 2007, viaggio verso il salento. Vacanza speciale con la mezza mela: è lì che è maturata l’idea di convolare a nozze 🙂

5. Zibba & Almalibre – Anche se oggi piove. Colonna sonora di quest’estate, in cui solo a tratti è stata sostituita da Pearl Jam e Metallica.

Liebster Award

Federica lancia sul suo blog  10 domande sui viaggi a chi le vuole. Ecco le mie dieci risposte e poi le mie dieci domande.

1. Consigliaci un posto da visitare vicino a casa tua. Non consiglierò Roma, decisamente inflazionata per quanto abbia mille milioni di bei posti che vale la pena vedere. Consiglierò due posti scoperti da poco. Uno è il Santuario di Vescovio (RI). Un posto fuori dal tempo, la chiesa e poi in una parte della struttura un ristorante carino dove mangiare. Il chiostro silenzioso, con i fiori a dare una nota di colore, mi faceva pensare all’Inghilterra. Tra l’altro sulla strada per andare si incontra un rigattiere magnifico che da solo vale la pena della gita 😉 L’altro posto, invece, è il Centro Botanico Moutan a Vitorchiano (VT). Da visitare rigorosamente tra aprile e maggio per godere appieno della fioritura delle peonie di cui il centro ha una delle più importanti collezioni al mondo. Un luogo magico, dove si respira un profumo inebriante.

2. Sconsigliaci un posto che hai visitato ma ti ha deluso. Difficilmente torno delusa da un viaggio, cerco sempre di trovare l’aspetto carino di un posto. Forse potrei dire la Croazia, ma solo perché l’ho visitata subito dopo la fine della guerra e nell’aria si sentiva ancora una tristezza di fondo, tra l’altro l’ho trovata comunque molto bella. Oppure potrei dire Mauritius, ma solo perché abbiamo trovato un tempo di schifo per gran parte dei nostri 15gg lì (ed è risaputo che io sono metereopatica).

3. C’è un libro o un film che ti ha fatto decidere di intraprendere un determinato viaggio? La Millennium Trilogy di Larsson mi ha fatto venire una voglia pazzesca di andare a Stoccolma, ma non sono ancora riuscita a soddisfare questa voglia.

4. Il souvenir più bello che hai portato a casa? Non amo troppo i souvenir tradizionali, preferisco comprare qualcosa da indossare (abiti o bigiotteria, meglio se artigianale). La mezza mela invece predilige la chincaglieria e io tento di arginarlo. Tra gli oggetti degni di nota metterei di sicuro la conchiglia con la scritta Bora Bora che fa bello sfoggio di sé in salone 🙂

5. Quando mangi qualcosa di buono in viaggio, poi provi a rifarlo a casa? Sì 🙂 ovviamente se si tratta di qualcosa alla mia portata 😉

6. Qual è il mezzo che preferisci per spostarti durante un viaggio? Non ho grandi preferenze, purché si viaggi mi vanno bene aereo, treno, macchina,… una volta sul posto, però, ci trasformiamo in camminatori folli ed instancabili. Adoriamo anche solo vagare per le strade di un posto sconosciuto per apprezzarne il profumo, i colori, i suoni. Chi viaggia con noi sa che senza scarpe comode è meglio stare a casa 😉

7. Qual è la meta dei tuoi sogni? ce ne sono molte, soprattutto tra quelle “impossibili”. Ora come ora direi Nuova Caledonia, Australia, Giappone e Corea del Sud (ma quest’ultima per motivi un po’ particolari…)

8. Cosa ti manca di più di casa tua durante un viaggio? Luna!!! Lo so, prendetemi per scema, ma mi pesa tantissimo lasciarla a casa (o dai miei suoceri).

9. Mare o montagna? Perchè? Per quasi tutta la mia vita le vacanze estive sono state per me sinonimo di mare. L’altro anno ho provato la montagna e mi sono innamorata! Del mare mi piace il crogiolarmi al sole, con un buon libro, un tuffo ogni tanto… La montagna invece è bellissima per apprezzare la natura, camminare a lungo, svuotare la mente. Infatti quest’anno non abbiamo ancora deciso dove vogliamo andare 😉

10. C’è un posto dove ti piace tornare spesso? La mezza mela è abitudinaria per natura. Fosse per lui scoperto un posto carino torneremmo lì all’infinito. Io invece amo cambiare e vedere ogni volta posti nuovi. Ne ho visti di bellissimi, ma se in giro ce ne sono di ancora più belli, perché perdermeli??? 😉

e ora le mie 10 domande per chi vorrà:

– Dove trascorrevi le tue estati da bambina? Sempre nello stesso posto o ogni anno un posto nuovo?
– La prima vacanza da sola
– Ti capita mai di dimenticare di mettere qualcosa in valigia? (io dimentico SISTEMATICAMENTE la spazzola. Mi è già successo almeno 5 volte)
– L’esperienza più imbarazzante capitata in viaggio
– Mega valigia gigante o zaino?
– Il posto più figo dove hai fatto shopping
– Il viaggio più massacrante. Ne è valsa la pena?
– Il posto più distante da casa dove sei stata
– L’abitudine più curiosa in cui ti sei imbattuta viaggiando
– Consigliami un luogo, magari non troppo conosciuto, da visitare in Italia

 Ora tocca a voi. Ovviamente potete dare le vostre risposte anche nei commenti.

Un film lungo una nuvoletta

Prendo spunto dal meme di Fragola e di Katiu e mi cimento anche io. Come cinefila sono scarsissima, quindi non me ne vogliate. In cosa consiste il gioco? Indicare un film per anno, da quando sono nata ad oggi… Pronti… Via!!!

1980 – Bianco, rosso e Verdone. Più classico di così, si muore.
1981 – Ricomincio da tre. “Massimiliano viene scostumato…” perle di saggezza alla Troisi.
1982 – Blade runner (anche se ci sarebbe pure E.T….). Alzi la mano chi non ha mai detto “Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginare...”.
1983 – Flashdance. E da lì partiva la fissa per gli scaldamuscoli!
1984 – Non ci resta che piangere. Perché bisogna provare, provare, provare, provare,…
1985 – Ladyhawke. Una storia di una poesia senza pari.
1986 – Navigator. Visto, rivisto e ririvisto. Se lo passano alla tele, non so resistere.
1987 – Dirty Dancing. Il più classico dei classici
1988 – Nuovo cinema paradiso. Innamorata di Salvatore Cascio 🙂
1989 – Harry ti presento Sally e L’attimo fuggente. Stesso giudizio per entrambi: Bello tutto, dall’inizio alla fine, lo riguardi ed è sempre bello.
1990 – Pretty Woman (“non stiamo insieme. Lo uso solo per il sesso”) pari merito con Ghost. Grandi sorrisi per il primo e infinite lacrime per il secondo.
1991 – Thelma & Louise. E non lo scelgo solo per Brad… 😉

1992 – Scent of a woman. Al Pacino da applausi.
1993 – Schindler’s List. Lacrime a go-go.
1994 – Forrest Gump. Capolavoro vero.
1995 – I soliti sospetti. Uno dei film preferiti della mezza mela.
1996 – Sleepers (ma di sicuro quello più visto di quell’anno è Il ciclone)
1997 – Will Hunting. Grandioso Matt Damon.
1998 – Train de vie. Poetico e doloroso.
1999 – Fight Club (voglio dire, ma l’avete visto Brad???) ma ci sarebbe anche Il miglio verde
2000 – Billy Elliot. Magnifico Jamie Bell. Gran bel film!
2001 – Il favoloso mondo di Amelie. Ma quanto mi è piaciuto??? 🙂
2002 – Era mio padre. “A chi mi chiede se Michael Sullivan era una brava persona o solo un poco di buono,Io do sempre la stessa risposta: Era mio padre.
2003 – La meglio gioventù. Un quadro bellissimo dell’Italia.
2004 – Se mi lasci ti cancello. Sorvolando sull’indegna traduzione del titolo, un film bellissimo.
2005 – Romanzo criminale. Trovarsi senza accorgersene a fare il tifo per i cattivi…
2006 – Il diavolo veste Prada. In realtà quest’anno ci sono un sacco di film che mi sono piaciuti, ma le gran risate che ci facciamo ogni volta che paragoniamo il capo a Miranda fanno vincere questo.
2007 – Reign over me (Adam Sandler in un versione che rende merito alle sue qualità di attore) pari merito con Mio fratello è figlio unico (Elio Germano spettacolare, basato su un gran bel libro).
2008 – Kung fu Panda 🙂
2009 – Bastardi senza gloria. Forse l’unico di Tarantino che non mi è dispiaciuto. (sì, lo so, non capisco niente…)
2010 – Mine vaganti. Capolavoro!!! 
2011 – Quasi amici. Trattare un tema delicato senza buonismo. Applausi.
2012 – Magnifica presenza. Elio Germano mi incanta sempre.
2013 – Cattivissimo me 2 🙂 Minions for president

Tag P/E 2012

Eligr@fix mi ha insignita di questo premio e visto che ormai sono entrata nel loop, non mi sottraggo.

Risponderò alle domande, ma senza taggare altri blog (spiegandone il motivo). Chi vuole partecipare è benvenuto, quanto al premio, lo meritate tutti, è per questo che vi leggo! 😉

Qual è l’ultimo acquisto che hai fatto?
un vestitino blu e bianco al mercatino
Quale sarà il tuo must have per la primavera/estate?
Devo ancora parlare con Val 😉
Unghie lunghe o corte?
Corte
Rossetto o Gloss?
Burrocacao
Stivali o sandali?
Per ora ho i miei bellissimi stivali primaverili, poi passerò ai sandali
Abbronzatura sì o abbronzatura no?
Decisamente sì, ma graduale.
Profumo o acqua profumata?
Acqua profumata
Stai già pensando alle vacanze estive?
Per ora, più che altro, stiamo teorizzando vacanze impossibili
Occhi o labbra in primo piano?
Occhi
Hai già mangiato il primo gelato della stagione?
Per me la stagione del gelato non finisce mai…
Borsa che mediti di acquistare?
Se mi compro un’altra borsa ho autorizzato la mezza mela a cacciarmi di casa…
Terra o Blush?
finché non mi abbronzo, terra
Colore di ombretto preferito in questo momento?
Mi stanno bene i toni del marrone o del rosa, di solito uso quelli
Palestra o dolce far niente?
acqua gym, un po’ di bici e passeggiate all’aperto, alternate a del sano dolce far niente
Ombretti mat o shimmer?
mat
Shorts o mini?
se perdo 5 kg shorts! (ho le cosce troppo cicciotte!!!)
Mascara nero o colorato?
Marrone o nero
Capelli lisci o ricci?
Selvaggi, come i miei!
Collana, bracciali o orecchini?
Tutti e tre, in base a come mi vesto e a come mi va
Color Block sì o no?
mmmh, non sono troppo per i colori sgargianti
Su quale colore punterai?
d’estate mi piace il blu
Make up colori pastello sì o no?
rosa o lilla vanno bene, ma con un verde pastello farei ridere
Giornata al mare o in montagna?
tutt’e due!
Fondotinta in estate sì o no?
appena mi abbronzo dico addio al fondotinta
Vestitino lungo o corto?
Corto
Pizzo sì, pizzo no?

Vacanza con le amiche o con il ragazzo?
con la mezza mela
Parto con il minimo indispensabile o porto dietro mezza casa?
cerco la giusta via di mezzo, anche perché quello che mi serve posso sempre comprarlo lì, no? 😉
Colletti mania sì o no?
No
Pantaloni floreali sì o no?
NOOOO!!!

Undici

Prima regola: raccontare 11 cose di te

1. ad un certo punto della mia vita ho scoperto che mangiare verdure non uccide. E’ stata una scoperta graduale, che ha avuto uno slancio improvviso dopo il matrimonio con la mezza mela. Lui ha operato il miracolo. Oggi quando mia madre mi vede mangiare verdure (ora ne mangio grandi quantità, sarà per reazione?) scuote la testa e mi dice “io non ti riconosco!” 😉
2. pur amando la compagnia, sono formidabilmente introversa per quanto riguarda le cose “importanti” che mi riguardano. Di quelle parlo solo con poche, selezionate persone. Se poi sto male emotivamente, esaurito lo sfogo iniziale (di solito di pianto), covo tutto dentro finché non mi passa. Non è mancanza di fiducia nel prossimo, ma più convinzione che affliggere chi ho intorno non cambi comunque le cose allora provo quanto meno a “proteggerle” evitando di scaricare il mio malessere su di loro. Il mio è un ragionamento del cavolo, ma sono fatta così e per quanto mi sforzi, mi sento più al sicuro così.
3. la cosa in assoluto che più odio di me è che se mi innervosisco, se mi arrabbio, se vengo punta sul vivo e devo rispondere mi trema voce. Mi si mette un rospo in gola che mi impedisce di parlare se non tra le lacrime. Ovviamente per non piangere mi chiudo in un mutismo assoluto. Chi mi conosce sa che se non parlo, non tira buona aria!
4. se sono nervosa metto in ordine.
5. mi piacciono tantissimo le cose fatte a mano. Trovo che l’artigianato sia una forma d’arte estremamente affascinante e mi piacerebbe poter migliorare la mia manualità.
6. sono golosa ai limiti della decenza. Mi contengo solo per non diventare una mongolfiera.
7. mio papà ci ha abituate alla regola che lamentarsi non serve a nulla. Questo vale sia per la vita di tutti i giorni, sia per i piccoli problemi di salute. Le rarissime volte in cui dico “io non mi sento bene”, vuol dire che c’è davvero qualcosa di serio in ballo.
8. non riesco a togliermi l’orribile vizio di mangiare le pellicine intorno alle unghie. Periodicamente mi cimento, ma basta un po’ di nervosismo in più e riprendo.
9. le librerie esercitano su di me un fascino perverso. Quando entro lì dentro mi comprerei anche libri di fisica quantistica, così, solo per saperne di più…
10. non sono in grado di addormentarmi davanti alla tv, l’unica eccezione è se c’è il Gran premio di auto. Quel costante ronzio ha su di me un effetto soporifero mondiale.
11. dopo aver sofferto per anni e anni di mal d’auto, improvvisamente il fastidio è passato e, solo in autostrada, adoro leggere 🙂 a volte per non far sentire la mezza mela troppo sola, leggo cose che interessano a lui ad alta voce.

Seconda regola: rispondere alle 11 domande poste da chi ti ha taggato (queste sono le domande di Katiu)

1 – Un uomo che ammiri? mio papà
2 – Una donna che ammiri? mia mamma
3 – Un periodo storico in cui ti sarebbe piaciuto vivere? direi l’800
4 – Una giornata di shopping sfrenato: il primo negozio dove entreresti è ..? un centro commerciale di quelli con almeno 120 negozi 😉 perché limitarmi???
5 – Vorresti un mondo senza .. ? guerra, ingiustizie, fame…
6 – Il viaggio che non rifaresti mai? Nessuno, ogni viaggio è una scoperta, un’esperienza e un’avventura e per ora tutti mi hanno lasciato ricordi speciali
7 – Se vincessi alla lotteria chi avviseresti per primo? la mezza mela
8 – Nel carrello della spesa cosa non manca mai? frutta e verdura
9 – Tre parole per descrivere il nostro paese. Ricco, sciocco, superficiale
10 – Tre parole per descrivere te stessa. Orgogliosa, testarda, permalosa. Mi concedo un pregio: solare.
11 – Completa la frase: “C’era una volta un Re …” “…che disse alla sua serva raccontami una storia…” (è partita in automatico dopo che ho letto l’incipit)

Seconda regola (di nuovo): rispondere alle 11 domande poste da chi ti ha taggato (queste sono le domande di Reganisso)

1. Cosa ami fare nel tempo libero? leggere, cucinare, uscire con la mezza mela, viaggiare, …
2. L’ultimo pensiero prima di addormentarti? di solito è collegato a quello che sto leggendo o a qualcosa che mi è successo o a qualcosa che mi attende… se mi vengono brutti pensieri, mi faccio suggerire dalla mezza mela qualcosa a cui pensare 🙂
3. Il libro/film del quale vorresti essere uno dei protagonisti e perché. Harry Potter!!! Sono strega dentro!!! 😉
4. Gli ufo ti contattano, paura? Forse all’inizio, ma poi sarei incuriosita
5. E’ sabato sera, che si fa? Non c’è una regola, si fa quello che ci va! 😉
6. Vengo in vacanza nella tua città: dove mi porti e cosa non devo assolutamente perdermi? nel posto di Roma che è tra quelli che amo di più: piazza navona, di sera, d’estate
7. Vengo in vacanza nella tua città: che specialità culinaria mi fai trovare a tavola quando mi inviti da te? non sono fortissima sulla cucina romanesca, ma una bella carbonara la cucino sempre volentieri (pure se Reganisso mi viene a trovare a luglio 😉 )
8. Consigliami un libro che ti è strapiaciuto. Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen
9. Consigliami un film che potrebbe piacermi. Quasi amici
10. Per un mondo migliore: più … e meno … ? più rispetto degli altri, meno ingiustizie
11. Come ti vedi tra 11 anni? questa la salto

Terza regola: scrivere 11 domande per coloro che taggherai

1. la cosa che più ti spaventa?
2. il tuo primo volo aereo?
3. quanto conta per te l’aspetto fisico e quanto te ne curi?
4. una cosa che non mangeresti nemmeno sotto tortura?
5. la parolaccia che dici più spesso?
6. se fossi il personaggio di un libro, saresti…
7. il piatto che cucini meglio?
8. uccideresti chi…
9. quanto conta il giudizio degli altri?
10. il libro che hai riletto più volte?
11. shopping: solo negozi o anche mercatini?

Quarta regola: taggare 11 blog

Molti dei blog che seguo hanno già fatto il gioco e/o sono stati taggati, quindi non indico nessuno, ma chiunque voglia rispondere alle mie domande (magari anche nei commenti al post) è bene accetto!!! 😉