H&M

Da giorni sento alla radio la pubblicità di H&M che fa un sconto di 10€ per festeggiare i suoi 10 anni in Italia.

Nel claim ripete circa mille volte che “ACCAeEmme è felice di … ACCAeEMME vuole ringraziare … ACCAeEMME è da 10 anni in Italia… ACCAeEMME…

ACCAeEMME???????

Fatemi capire, io e mia sorella ci abbiamo messo 10 anni a convincere papà che si dice ACHEandEM e adesso arrivano questi e la chiamano ACCAeEMME???

Roba da matti!!!

Terza verifica

Ma che ve lo dico a fare?! …ovviamente promossa! Tze! 😉

Per la prima volta la verifica è stata di gruppo (eravamo in tre) e mi sono anche sorpresa della mia spavalderia 😛

Il Prof più lo conosco, più mi sembra strano. Totalmente privo di humor (ma in Inghilterra non è compreso nel pacchetto?), spesso dice cose e fa domande che capisce solo lui e non perché le fa in inglese! Nelle precedenti verifiche ho creduto di essere io a non capire, a mancare di empatia, ma vista oggi la faccia smarrita quanto la mia degli altri due, mi sa che lo strano è proprio lui! 

Temo che non ci sarà tempo per una quarta verifica 😦 il corso finirà a metà maggio e se da una parte mi libererei dell’ennesimo impegno, dall’altra mi dispiace un sacco…

Inutile che vi dica che sono già a caccia su Groupon 😉

Roba dell’altro mondo!

La verifica di inglese è andata bene 🙂 Questo nonostante ieri sera la mezza mela abbia tentato di minare la mia autostima perché dopo avermi ascoltata un po’ ripetere ad alta voce (peraltro mentre stiravo le sue camicie!) mi ha detto lapidario “oh, ma sei ‘na pippa!” (NdT: una molto scarsa) 😐

Il prof mi ha invece fatto i suoi complimenti, mi ha adorata quando mi ha mostrato la bandiera inglese chiedendomi cosa fosse ed io ho risposto “the union jack” invece di “the flag of United Kingdom” (che non mi sembrava di aver detto chissà cosa). Solo una parola mi ha detto di cercarla sul dizionario, perché la pronuncio malissimo e così, secondo lui, mi rimarrà più impressa. 

La cosa VERAMENTE sconvolgente è che a quanto pare io pronuncio malissimo la parola “Chocolate“… IO??? Ma, dico, scherziamo??? Quindi se io andassi a Londra e chiedessi chocolate (che come tutti sapete è un bene di prima necessità, essenziale per vivere) non mi capirebbero??? Sono sconvolta!!! O_o

Verifica di inglese

Mi scusi, io dovrei prenotare la verifica di inglese per la nuova unit che ho terminato…

(è la seconda verifica e considerati i tempi che sono stati necessari per la prima, mi aspetto una settimana/10 giorni di tempo utile per rivedere le nuove regole di grammatica e ripassare la storia che viene narrata)

Sì, aspetti… ok, c’è posto domattina, le va bene?

O_oDomani??? Sì… perfetto…

QUESITO FACILE: Chi è che stasera, invece di stirare, studia inglese?!?

Promossa!

La prima verifica del corso di inglese è andata! 

Ho avuto anche i complimenti del prof sulla grammatica (mentre mi ha distrutta sulla fonetica).

Per ora, però sono lanciatissima… Speriamo che duri! 😉

A cool fish trick…

La passione sconfinata della mezza mela per la natura ha trovato una parte di manifestazione nell’acquariofilia. In più, a differenza del mio, il suo cervello funziona come una spugna e immagazzina velocemente qualsiasi informazione, anche la più stramba, e la tiene lì. Se poi qualcosa suscita il suo interesse, lui è in grado di memorizzare centinaia di termini assurdi e specie viventi (sa il nome latino di quasi tutte le farfalle esistenti, così come di quello dei pesci di acqua dolce e marina o delle varie specie di piante acquatiche…). La mia memoria (ma anche la mia attenzione), invece, è estremamente selettiva: se qualcosa non mi interessa, io non archivio. Io cancell0.

Questo comporta che nonostante i suoi sforzi di istruirmi sulle meraviglie dell’acquariofilia, io recepisco più o meno un decimo (e sono ottimista) di quello che mi dice. 

Ieri, con la scusa di farmi esercitare in inglese, mi ha torturata con 45 minuti di filmato sulle meraviglie dei biotopi di acqua dolce in Venezuela. Giuro che mi sono anche sforzata… eppure questa mattina l’unica cosa che ricordo del video sono le parole tannic water, freshwater e fryes.

Che poi quante volte potranno servirmi mai nella vita vera?

The secret garden – Audiobook

Questa settimana mi sono cimentata con l’ascolto di una versione ridotta de The secret garden. Essendo un libro per ragazzi che ho già letto pensavo di andare speditissima, invece le voci dei bambini sono squisitamente nasali e per alcuni passaggi ho dovuto ripetere l’ascolto più volte.

La parola in assoluto più utilizzata (sia in questo, sia in Jane Eyre) è suddenly. Tutto succede all’improvviso, a quanto pare 😉

Per la prossima settimana sono ancora a caccia. Volevo approfittare del consiglio di MagicamenteMe e ascoltare qualcosa di più moderno, ma riesco a trovare solo classici… Avete qualche suggerimento? Magari sbaglio io a cercare certi autori…

Stairs to…

La scuola di inglese si trova in un vecchio edificio, al terzo piano.

L’ascensore a quel piano ha la porta rotta, quindi la scelta è salire al quarto e scendere un piano a piedi, oppure fare tre piani di scale.

Faccio sport e abitualmente prendo le scale rinunciando all’ascensore (a Studio, a casa, in Tribunale, dai miei,…), perciò senza problemi mi sono lanciata sulle scale. Non avevo notato, però, che in quell’edificio sono particolarmente alte e questo mette a dura prova le mie corte gambe.

Quando arrivo su, sono di norma in piena iperventilazione… Se pure non dovessi migliorare in inglese, quanto meno miglioreranno le mie prestazioni atletiche! 😉

Jane Eyre – L’audiobook

Li avete mai provati gli audiobook? Fino alla scorsa settimana avrei storto il naso scandalizzata, ma siccome come vi ho detto la secchiona che è in me sta venendo fuori, ho pensato di utilizzare il tempo che trascorro in macchina bloccata dal traffico per ascoltare audiobook in inglese 🙂

Ho pensato che all’inizio fosse meglio cominciare con libri già letti e così questa settimana ho avuto Jane Eyre in persona a tenermi compagnia 🙂 Secondo me l’esperimento è riuscito. Sento ogni capitolo più volte per sforzarmi di capire non solo il senso complessivo della storia, ma anche le singole parole e devo dire che pensavo di essere decisamente più somara 😉

Non credo assolutamente che l’audiobook possa sostituire un libro. Per ora ho trovato solo sintesi dei libri (devo dire però che almeno questa era fatta davvero bene) e non versioni integrali, ma penso comunque che nulla possa sostituire la lettura. Ora devo decidere chi portare in auto con me la prossima settimana… sarà una scelta difficile 😀

Learning english

A tre giorni dalla scadenza del coupon mi sono decisa ed ho attivato il corso di inglese che avevo comprato a luglio. Onestamente? Il primo (e anche il secondo) pensiero è “certo che mi ci mancava pure il corso d’inglese“, perché sono il tipo che le cose o le fa sul serio o non le fa proprio e quindi sono già qui che provo ad incastrare tutto con grande perizia e un po’ di fatica.
Di fondo, però, sono fomentatissima 🙂 era tanto che volevo fare un corso e ogni volta c’era qualcosa di più urgente o importante da fare e ora, invece, sono finalmente in ballo e mi voglio impegnare 🙂

Ho già scaricato i compiti da fare nel week end… la secchiona che è in me si sta risvegliando alla grande!!! 😉