Dimentica il mio nome

Ho divorato l’ultima opera di Zerocalcare nel viaggio di ritorno in treno da Brescia. D’altra parte sia Auryn sia Bookaholic ne avevano parlato bene, quindi mi aspettavo grandi cose. Ammetto, però, non così grandi.

Sarà che la lettura di Dodici mi aveva lasciata abbastanza tiepida. Qualche trovata geniale alla Zerocalcare, ma per il resto una storia davvero deboluccia. Dimentica il mio nome, invece, è meno divertente (forse) ma molto più profondo. Secondo me segna proprio una svolta, ed è una svolta positiva, nel suo stile. C’è sempre lui, i suoi personaggi nerd, le trovate da genio anni 80, ma c’è anche una dose di sentimento e di spessore che negli altri volumi non era sempre costante.

Leggendo Dimentica il mio nome mi sono trovata con un nodo in gola che non voleva andare giù. Ad un certo punto avevo addirittura i lucciconi. Anche le tavole mi sono piaciute, alcune, la facciata della chiesa solo per fare un esempio, mi sono sembrate davvero perfette. Con questo libro mi ha definitivamente conquistata. Ora spero solo che continui così!

One thought on “Dimentica il mio nome

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...