I cento colori del blu

Più riguardo a I cento colori del bluMoma mi ha consigliato la lettura de I cento colori del blu di Amy Harmon. Era così convinta che non ho saputo resistere e mi sono immersa nella lettura. 

Dopo poche pagine ho capito perché Moma insistesse tanto. Il libro scorre velocissimo, la storia è semplice, un po’ inverosimile (soprattutto in relazione al finale), i personaggi sono americanissimi, ma nel complesso funziona alla grande. La trama è semplice: a diciannove anni Blue Echohawk frequenta ancora il liceo. Abbandonata da sua madre quando aveva solo due anni, non conosce il suo vero nome, né la sua data di nascita. Indossa sempre vestiti attillatissimi e un trucco pesante: il sesso è il suo rifugio, un gioco per dimenticare tutto, per mettere sotto chiave le sue emozioni. Blue ha iniziato tardi la scuola e non mostra alcun interesse per lo studio. È un caso disperato. Eppure il suo nuovo insegnante di storia, il giovane Darcy Wilson, non la pensa così…

Un lettura avvolgente in cui vengono trattati anche i temi dell’abbandono, dell’adozione, della maternità… Inutile dire che ad un certo punto mi sono sciolta in un mare di lacrime, ma ne è valsa la pena. 

2 thoughts on “I cento colori del blu

    • Ci vuole una buona preparazione psicologica, perché ad un certo punto il singhiozzo parte automatico, ma a me è piaciuto…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...