UFG – Quarta tappa

E’ stato proprio nel momento in cui stavo aprendo il mio cuore incondizionatamente ad Hugo che lui ha tentato di uccidermi con un interminabile capitolo dedicato alla battaglia di Waterloo. Per carità, momento topico della vita di Napoleone e della storia francese, passaggio epocale per l’Europa stessa, ma davvero era necessario scendere così nel dettaglio? Servivano davvero i nomi di quasi tutti i partecipanti alla battaglia? Sicuramente pagine interessanti, ma della consistenza del piombo fuso.

Sopravvissuta a Waterloo, la tappa è andata via in scioltezza.  

Magnifico il ritorno in scena di Valjean e apprezzo la scelta di fargli riacquistare la libertà con un espediente che al tempo stesso lo riabilita anche (è vero che evade, ma salva un uomo).

Mi sono indignata con i Thénadier e ho tremato di paura con Cosette quando è costretta ad andare alla sorgente di notte (in quel passaggio la prosa di Hugo evoca alla perfezione il terrore) e il mio cuore si è sollevato quando una mano sconosciuta ha preso il manico del secchio. Che goduria poi quando Valjean esce dall’albergo e rientra con la bambola per Cosette! Mi spiace solo che non abbia assestato un bel colpo a Thénadier quando lo ha inseguito nel bosco😉

5 thoughts on “UFG – Quarta tappa

  1. Nella tappa di questa settimana c’è una dissertazione sulla storia dell’urbanistica parigina che non ti sto a raccontare

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...