UFG – Terza tappa

Spoiler sparsi vari ed eventuali

Questa terza tappa si apre e si chiude con un feroce critica di Hugo ad un certo tipo di ecclesiastici. Comincia con un ritratto inclemente di Suor Perpetue e termine con il pungente attacco al Parroco cui Valjean ha lasciato soldi a sufficienza per concedere a Fantine un degno funerale, ma che decide di “fare economia per i poveri” e fa quindi gettare Fantine nella fossa comune. Per fortuna c’è Suor Simplice a riscattare l’immagine di un clero che dedica invece il suo cuore a Dio e la sua vita al prossimo.

La parte principale della tappa è occupata dal viaggio di Madeleine verso Arras (non privo di difficoltà e ostacoli) e dal processo a Champmathieu. Mentre leggevo le pagine in cui Valjean accede all’aula di udienza confesso di essermi accorta di aver letto troppi romanzi rosa: mi aspettavo da un momento all’altro un deus ex machina che risolvesse tutto e “salvasse” Valjean. Chiaramente non c’è stato alcun colpo di scena. Mi ha colpita la sproporzione della pena per  quei miserabili (è proprio il caso di dirlo) costretti dalla fame a rubare un pezzo di pane o qualche mela. Il carcere a vita nel caso di recidive mi sembra davvero una pena esagerata. Eppure la povertà è una colpa (e questo non è tanto distante da quello che ancora oggi capita di vedere) e per questa si viene puniti senza possibilità di riscatto.

Crudele è la fine che Hugo ha voluto riservare alla povera Fantine. Meritava di rivedere la piccola Cosette prima della fine (e a lungo ho sperato che il cavallo servisse a Madeleine per questo), mentre potrà solo guardare negli occhi quel meschino di Javert che è talmente legato al dovere da non avere un briciolo di umanità.

Bellissimo è il modo in cui Hugo descrive la reazione dei cittadini di Montreuil-sur-Mer alla notizia che Madeleine è in realtà Jean Valjean. Tutti quei lo immaginavo, era troppo buono, doveva nascondere qualcosa, l’ho sempre detto io,… risuonano nelle orecchie con tutta la crudeltà di cui sono pieni. L’essere umano è davvero meschino oltre misura, anche nei confronti di chi gli ha fatto del bene.

2 thoughts on “UFG – Terza tappa

  1. Ciao, cara blogger! Che ha anche recensito un mio romanzo tempo fa… molte grazie.
    Sto cercando di contattarti ma non riesco a trovare il modo: potresti allora essere così gentile da scrivermi tu? Il mio indirizzo email è ritarisponde chiocciolina gmail puntino com. Basta che mi mandi una riga, poi io ti rispondo e ti spiego il tutto.
    Grazie in ogni caso e complimenti per questo tuo spazio virtuale, e non solo!
    Rita

  2. Concordo sia sulla povera fine di Fantine, che meritava di vedere almeno un’ultima volta la figlioletta, sia sul fatto che poi siam tutti bravi a dire “era troppo buono, io lo sapevo, io lo sospettavo” …..

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...