E’ partita la caccia all’Ente!

Non volendo farci trovare impreparati quando arriverà il momento di scegliere (abbiamo un anno di tempo da quando ci è stato notificato il decreto di idoneità a fine luglio), con la mezza mela abbiamo iniziato a valutare qualche ente per l’adozione internazionale. 

Gli Enti autorizzati in Italia (quelli attraverso i quali è necessario passare se si vuole adottare all’estero legalmente) sono circa una 70ina, alcuni operano solo a livello locale, ma i maggiori hanno diffusione nazionale.

Di norma sul loro sito è scaricabile una Carta dei servizi che riassume come e in che paesi lavorano e poi si fa un incontro informativo per tutte le altre questioni. Ci sarebbero i forum per fare una cernita, ma sono un tale covo di psicopatici (senza offesa, eh!) che riescono a confondermi solo di più. Per ora preferisco basarmi sulla navigazione a vista.

Ieri siamo andati a conoscere il primo ente, l’ARAI, l’unico parastatale in Italia, che ci ha fatto davvero una buona impressione. Ha chiarito dei dubbi e scatenato altre 500 mila nuove domande (finiranno mai???). Ora abbiamo una serie di punti su cui vorremmo informarci. 

Intanto io sono partita per la tangente con Corea del Sud e Burkina Faso, mentre la mezza mela tenta di tenermi con i piedi per terra ben consapevole che la visita di un nuovo ente mi farà partire con la testa per altri paesi.

Il problema è che in queste situazioni ci vuole pazienza (TAAANTA!!!) e quando l’hanno distribuita io dovevo essere in bagno!!!

P.S. per la cronaca: della diffusione delle malattie mentali in Burkina Faso su internet si trova meno che sull’ultimo brufolo di Belen. Sarà una lunga ricerca!

9 thoughts on “E’ partita la caccia all’Ente!

  1. una ragazza che conosco (avvocato e ricercatore di diritto penale) ha deciso di adottare in india, è stata un’odissea la sua. Alla fine hanno scoperto che il giudice che doveva autorizzare in patria chiedeva mazzette. Alla fine sono riusciti a venirne a capo e hanno denunciato il giudice. Ma è stata un’odissea di due anni il tutto reso più difficile dal caso Maro’

      • Teoricamente infatti l’ente dove siamo stati ieri ci piace proprio perché essendo collegato alla regione Lazio dà maggiori garanzie di serietà. Il terrore è proprio quello di finire in qualche situazione “poco chiara”, purtroppo però ad un certo punto si deve saltare. Ed è sempre un salto nel vuoto.
        Crepi il lupo (da quando è cominciata questa odissea inizio a sentirmi in colpa: non è che dipende da noi se i lupi sono in via d’estinzione???)

  2. Purtroppo di questo argomento sono totalmente a digiuno, non conosco nessuno che sia passato e quindi non ho nemmeno la più pallida idea di cosa si debba passare/provare prima di arrivare alla fine .. intanto in bocca al lupo (che anche io la balena preferisco non augurarla!)

  3. Un grandissimo in bocca al lupo per questa avventura!
    Io ho una coppia di amici che ha adottato in Polonia e un’altra coppia che ha adottato in Colombia, entrambi hanno trovato associazioni molto serie che li hanno seguiti bene. Vedrai che anche tu troverai l’associazione giusta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...