Una giornata di riposo e due torte

Mentre la mezza mela si è alzata all’alba per andare a cercare i funghi, io e Luna ci siamo concesse una mattinata casalinga in tutta tranquillità. Ci siamo cimentate nella preparazione di ben due torte.

La prima è la Torta di zucca e cacao della cugina di Sabry che trovate qui. Uniche modifiche apportate alla ricetta sono state la cottura un più lunga (dopo 40 minuti l’interno risultava ancora troppo umido) e una generosa manciata di gocce di cioccolato fondente (sono o non sono la regina delle golose???). Profumo strabiliante.

La seconda è la Torta zebrata di Benedetta Parodi (mia sorella è diventata una sua fan, si compra i libri e gira a me le ricette che vorrebbe provare…). La preparazione è semplicissima e l’effetto è davvero carino.

4 uova
250 g di zucchero
250 ml di latte
200 ml di olio di semi
1 bustina di vanillina
1 bustina di lievito
300 g di farina
2 cucchiai colmi di cacao zuccherato

Battere le uova con lo zucchero. Unire l’olio (io non uso olio di semi, quindi ne ho messi 150 ml di extravergine). Incorporare la farina precedentemente unita alla vanillina e al lievito. Continuare a girare fino ad ottenere un impasto liscio, tipo pastella. A questo punto l’impasto va diviso in due ciotole (cercando di fare due parti il più possibile uguali) e in una delle due ciotole va aggiunto il cacao (siccome mia sorella ha fatto la richiesta ieri sera alle 23 e io avevo solo cacao amaro, ho usato quello!).
Preparata la tortiera arriva la parte divertente: mettere al centro della teglia 3 cucchiai di impasto al cioccolato, poi metterci sopra 3 cucchiai di impasto bianco, poi di nuovo 3 al cioccolato e così via fino a finire. L’impasto è piuttosto liquido, quindi man mano che si aggiunge impasto al centro il precedente scivola lentamente verso i lati, ma alternandosi in un simpatico effetto a strisce. In forno per 40 minuti a 180° e il gioco è fatto!

Ora c’è un profumo di cioccolata per casa che lascia estasiati!!! 🙂

Advertisements

4 thoughts on “Una giornata di riposo e due torte

  1. imparai a fare la sorella della torta zebrata dalla nonna, ma noi la chiamavamo “torta marmorizzata”: al posto di mettere i due impasti uno sopra l’altro, si mettono a casaccio e si scuote leggermente la tortiera perchè si amalgamino leggermete… l’effetto è marmorizzato 🙂

    • sì, così l’ho fatta anche io diverse volte, ma fatta a righe è davvero carina e questa ricetta qui ha anche un’ottima consistenza!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...