Le due guerre

Questo è il libro che ho regalato e che ho letto di straforo. Pagine forti, toccanti della nostra storia, un’analisi approfondita di due fenomeni che hanno More about Le due guerresegnato il nostro paese: il terrorismo e la mafia. Un libro intelligente.

Gian Carlo Caselli, che si è occupato prima di antiterrorismo e poi di lotta alla mafia, analizza momenti importanti del passato e ne sviscera ogni aspetto senza peli sulla lingua. Racconta la sua vita sul campo e quello che scrive non può in alcun modo lasciare indifferenti, descrive il comportamento dello Stato nella lotta al terrorismo e alla mafia e trae le dovute conclusioni.

Un bel libro, che fa riflettere soprattutto sui rapporti tra mafia e politica. Significativo a questo proposito il richiamo alla Sentenza di Corte di Appello emessa nei confronti del Sen. Giulio Andreotti e confermata dalla Cassazione. Il Senatore non è proprio uscito pulito dall’accusa di collusione con la mafia, il reato era prescritto, ma la sua colpevolezza è stata accertata e confermata. Chissà perché, però, si è fatto in modo che la versione maggiormente diffusa fosse un’altra…

Questo l’estratto della Sentenza:In definitiva, la Corte ritiene che sia ravvisabile il reato di partecipazione alla associazione per delinquere nella condotta di un eminentissimo personaggio politico nazionale, di spiccatissima influenza nella politica generale del Paese ed estraneo all’ambiente siciliano, il quale, nell’arco di un congruo lasso di tempo, anche al di fuori di una esplicitata negoziazione di appoggi elettorali in cambio di propri interventi in favore di una organizzazione mafiosa di rilevantissimo radicamento territoriale nell’Isola: a) chieda ed ottenga, per conto di suoi sodali, ad esponenti di spicco della associazione interventi para-legali, ancorché per finalità non riprovevoli; b) incontri ripetutamente esponenti di vertice della stessa associazione; c) intrattenga con gli stessi relazioni amichevoli, rafforzandone la influenza anche rispetto ad altre componenti dello stesso sodalizio tagliate fuori da tali rapporti; d) appalesi autentico interessamento in relazione a vicende particolarmente delicate per la vita del sodalizio mafioso; e) indichi ai mafiosi, in relazione a tali vicende, le strade da seguire e discuta con i medesimi anche di fatti criminali gravissimi da loro perpetrati in connessione con le medesime vicende, senza destare in essi la preoccupazione di venire denunciati; f) ometta di denunciare elementi utili a far luce su fatti di particolarissima gravità, di cui sia venuto a conoscenza in dipendenza di diretti contatti con i mafiosi; g) dia, in buona sostanza, a detti esponenti mafiosi segni autentici – e non meramente fittizi – di amichevole disponibilità, idonei, anche al di fuori della messa in atto di specifici ed effettivi interventi agevolativi, a contribuire al rafforzamento della organizzazione criminale, inducendo negli affiliati, anche per la sua autorevolezza politica, il sentimento di essere protetti al più alto livello del potere legale.
Alla stregua dell’esposto convincimento, si deve concludere che ricorrono le condizioni per ribaltare, sia pure nei limiti del periodo in considerazione, il giudizio negativo espresso dal Tribunale in ordine alla sussistenza del reato e che, conseguentemente, siano nel merito fondate le censure dei PM appellanti.
Non resta, allora, che confermare, anche sotto il profilo considerato, il già precisato orientamento ed emettere, pertanto, la statuizione di non luogo a procedere per essere il reato concretamente ravvisabile a carico del sen. Andreotti estinto per prescrizione.”

One thought on “Le due guerre

  1. Pingback: Le due guerre « Nuvolette Colorate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...