Parigi

Mentre l’Italia veniva sconquassata da un diluvio universale, noi ci siamo goduti (contro ogni previsione meteo) un week end lungo di sole e caldo in quel di Parigi 🙂

Questa volta (la seconda a Parigi) eravamo fuori città, dalle parti di EuroDisney, in una campagna dominata da aceri rossi che incantavano a guardarli! Abbiamo approfittato di questa visita per vedere il famoso parco a tema e per rivedere i luoghi più caratteristici della città oltre a Montmartre che la scorsa volta non avevamo visto.

Che dire? Disneyland è praticamente la realizzazione di tutti i sogni di un bambino. Per me cresciuta a pane e cartoni animati vedere il castello delle principesse è stato un colpo al cuore. Ciò detto, per quanto sia sicuramente deliziosa, spettacolare e sognante, nonchè realizzata con una cura per i particolari quasi maniacale,  l’ho anche trovata vergognosamente commerciale e consumista (tutto quel “compra! compra! cooompraaaa!!!” è riuscito ad inibire anche la mia frenesia per lo shopping!). Inoltre l’enorme affluenza costringe spesso a file interminabili per fare ogni singolo gioco, il che a lungo andare non è il massimo del divertimento. Il posto ideale dove portare un bambino, ma da adulta preferisco la vera Parigi!

Della città potrei parlare per ore. In una domenica autunnale di sole e caldo si è mostrata in tutta la sua meraviglia… Che viaggio soddisfacente!!! 🙂 

Annunci

3 thoughts on “Parigi

  1. eurodisney non mi attira molto, non mi piacciono i luoghi così pieni di gente e confusione
    Parigi l’ho visitata in estate, ma forse il suo charme è maggiore in autunno 😉

  2. Credo che Disneyland Paris possa apparire stupidissimo o meraviglioso dipendentemente da ciò che sentiamo, da quanto è vivo il bambino che siamo stati e che, da qualche parte, siamo ancora. Certo, molto americano… molto consumismo, ma un posto dove qualcuno potrebbe svenire per la magia che, in alcuni momenti, puoi sentire.
    un saluto, collega di “nuvole”!

  3. @Gabbiano: ti assicuro che di bambina in me ce n’è una gran parte. Infatti quando ho visto il castello delle principesse il mio primo pensiero è stato “ma non si potrebbe avere una casa così?” magari anche con le vetrate a mosaico con la fata smemorina 🙂 la quantità notevole di gente, però, sommata alla veramente eccessiva sollecitazione all’acquisto, dopo un po’ mi ha però infastidita… in fondo nelle favole non c’è mica tutto quel caos 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...